Milone di Crotone e la perseveranza in allenamento - Forge Powerlifting

Milone di Crotone e la perseveranza in allenamento

Indice dell'articolo

Indice dell'articolo

Il culto della forza è antico quanto l’uomo.
Nel corso dei secoli la storia è piena di miti e simbologie che esaltano la forza in tutte le sue espressioni.

Dalla mitologia vichinga dove il culto di Odino, Thor e Freyr si traduceva in dimostrazioni di forza e competizioni fra guerrieri (che fanno da base all’odierna disciplina dello Strongman) sino alla più vicina Grecia dove le olimpiadi sublimavano le eccellenze fisiche degli atleti dell’epoca.

Le Olimpiadi antiche e la forza nell’Antica Grecia

Nelle olimpiadi antiche, forza e resistenza fisica erano le qualità più sollecitate in competizioni quali la lotta, il pugilato, il lancio del giavellotto e la corsa con le armi.

Nella visione greca la forza non era espressione brutale di supremazia e sopravvivenza, bensì uno degli attributi essenziali per il raggiungimento dell’armonia quotidiana. Ercole stesso era venerato come protettore dei commerci e custode delle greggi.
Fra gli atleti più vincenti delle olimpiadi antiche c’è Milone di Crotone.

Si narra che da ragazzo, ogni giorno, Milone tenesse sulle spalle un vitello di cui si liberava solo prima di coricarsi alla sera. Col passare dei mesi e degli anni il vitello divenne toro e Milone aumentò la sua massa muscolare.

La costanza dei suoi allenamenti gli aveva permesso di sollevare ciò che all’inizio sembrava impossibile, sollevare un toro adulto.

Cosa ci insegna la perseveranza di Milone

Cosa ci insegna la storia di Milone?

  • Che la costanza nell’allenamento è la prima virtù di un atleta.
    Milone teneva il vitello sulle spalle ogni santo giorno: con la pioggia, con il sole, in guerra come in pace. L’adattamento del nostro corpo agli stimoli esterni è lento ma inesorabile se gli diamo continuità e costanza (anni, non giorni!).
  • Che i cambiamenti del nostro corpo sono invisibili e avvengono ogni giorno.
    Ogni nostra ripetizione, serie, di ogni singolo giorno e mese è utile al cambiamento. Non esiste una serie più importante di un’altra.
  • Che la forza e la resistenza sono qualità connesse
    Milone vinse 7 olimpiadi alternando espressioni di forza esplosiva a periodi di allenamento costante della forza resistente
  • Che l’aumento dei carichi nel tempo è l’unico modo per diventare più forti
    Non c’è storia o formula magica che tenga, Milone diventa forte perché ogni giorno il vitello si fa più pesante sulle sue spalle. Punto. Esistono metodi, programmi e scuole di pensiero ma dal carico progressivo, nessuno può scappare
  • Che seguire gli scienziati è meglio di affidarsi ai maghi
    Milone fu adepto di Pitagora che, giunto a Crotone nel 530 a.C., si occupò anche della creazione di regimi dietetici per le prestazioni agonistiche degli atleti della città.
    In particolare Pitagora fu promotore di diete iperproteiche basate sull’assunzione di carni rosse che faceva sostituire ad atleti – come Milone – che solitamente incentravano i loro pasti attorno al consumo di fichi secchi e formaggi.

La storia di Milone di Crotone è di grande ispirazione per chiunque lavori nell’ambito dell’allenamento con sovraccarichi, il principio alla base del successo di questo mitico atleta antico è anche quello che guida tutte le nostre programmazioni di lungo periodo. Sia in palestra che negli atleti che seguiamo con il nostro coaching online.

Share
on

Rimani aggiornato
con la Forgia!

Lasciaci la tua mail e ricevi gratuitamente ogni mese approfondimenti e risposte sul Powerlifting e sull’allenamento della forza!

Rimani aggiornato
con la Forgia!

Lasciaci la tua mail e ricevi gratuitamente ogni mese approfondimenti e risposte sul Powerlifting e sull’allenamento della forza!